Wellness

Lorem ipsum dolor sit amet, ex sed nostro pertinax. Aeque placerat ne eum.

Latest Posts

    Sorry, no posts matched your criteria.

facebook instagram twitter

12 SETTIMANE IN UN ANNO

Come riuscire a fare tutto ciò che desideri in 12 settimane

Sfruttiamo il libro di Brian P. Moran per raggiungere l’obiettivo cui davvero teniamo o è da parecchio che procrastiniamo di raggiungere

Sembra paradossale ma 3 mesi è il tempo perfetto per raggiungere qualsiasi obiettivo.

Compralo con questo link:

ACQUISTALO QUI
  1. Per essere produttivo, devi impegnarti a fissare degli obiettivi.

Non importa quanti libri di benessere leggi, il sapere funziona solo se sistematicamente lo metti in pratica,

I nostri pensieri e le nostre intenzioni diventano realtà solo con la pratica.

La via più breve e sicura per acquisire i tuoi obiettivi è prioritizzarli, stendere un piano chiaro, completo e preciso e star dietro ad obiettivi e piano strategico passo per passo, giorno dopo giorno,

Non sono i fattori esterni che determinano la mancanza di produttività nella tua vita: è il risultato delle decisioni che prendi ogni giorno il fatto che tu riesca o non riesca a raggiungere i tuoi obiettivi.

Le persone coraggiose accettano le loro responsabilità per il proprio benessere. Tu sei lo scultore del tuo destino.

“Le decisioni che tu prendi oggi determinano i risultati del tuo domani. Se vuoi un grande futuro, devi prendere migliori decisioni oggi” Brian. P. Moran

Prendere migliori decisioni è sinonimo di prendere l’impegno di fare qualcosa. Significa che sta facendo profondi sforzi giornalieri per cambiare la tua vita. L’impegno incide su ogni aspetto della tua esistenza. Esso è in grado di influenzare tutto della tua vita e di cosa diventi oggi e in futuro

Ogni giorno è essenziale: pertanto devi sapere consapevolmente usare il tuo tempo.

Dopo tutto, il temo non ti aspetterà. E’ quindi opportuno posizionarti nella linea della vita in modo da massimizzare le tue opportunità.

Il programma delle 12 settimane ti consente di condensare in 3 mesi tutto quello che avresti raggiunto in molto più tempo: non c’è limite a ciò che puoi raggiungere se ti impegni.

L’impegno è un compito sfidante: è per quelli abbastanza coraggiosi che prendono il volo per toccare il cielo dorato. Se ti sei chiesto perché alcune persone acquisiscono tutto ciò che desiderano ed altre no, trovi la risposta continuando a leggere questo articolo.

“Senza un impegno concreto, sono solo promesse e speranze, ma nessun piano!

Peter Drucker

per la versione in italiano scaricalo qui.

ACQUISTALO QUI
  1. La più difficile sfida che incotnrano le persone non è la mancanza di conoscenza, ma la mancanza di esecuzione.

Secondo Steven Pressfield, l’autore della “guerra dell’arte” (altro libro che ti consiglio) noi tutti abbiamo due vite: la vita e quella che siamo capaci di vivere. Spesso quindi trascuriamo e ci rassegniamo dal vivere la vita che veramente vorremmo per mancanza di capacità esecutive,

Esiste un detto famoso “sapere è potere”: ma non è del tutto vero.

La conoscenza senza la pratica è inutile  e dannosa. La chiave per crescere è capire il potere dell’esecuzione. Se fai sempre ciò che gli altri si attendono da te, non avrai alcuna spinta a fare di più di ciò che fai,

Molti americani sono sovrappeso o obesi nonostante sappiano di dover dimagrire. Centinania di migliaia di libri dicono loro come ridurre il peso, ma il vero problema è che molte persone non seguono con consistenza i passi suggeriti per farlo,

Una volta che ti focalizzi in modo consistente sulla parte pratica del piano sarai in grado di farlo facilmente,

Ogni giorno è importante, per questo il piano va redatto intenzionalmente. E’ comune per tutti pensare all’inizio dell’anno di perseguire molti obiettivi. Ma quando a breve li hai fallito o non sei riuscito a raggiungerli, passi il resto del tempo a darti le colpe e frustrarti perché non riesci a fare ciò che vorresti e si ripete il loop degli scorsi anni:  obiettivi – procrastinazione – fallimento  – abbandono obiettivo – nuovo obiettivo – nuovo loop.

Altri ancora non iniziano a fare le cose sino a quando hanno la pressione della scadenza finale perché associato l’adrenalina della scadenza al segnale per attivarsi. La scadenza finale di un progetto dovrebbe aiutarti a associare la motivazione di arrivare in tempo ed in modo assiduo ad acquisire ciò che volevi portare a termine. Invece dal punto di vista pratico la motivazione si perde per la strada.

Acquisire effiacia nella esecuzione non è complicato come pensi: ma è più facile della procrastinazione.

La frizione che incontra il nostro cervello nel fare nuove cose ci fa sentire oberati e oppressi dalle cose da fare anche se le vorremmo fare e lo abbiao deciso: per questo è essenziale e indefettibile associare al piano una forte emozione che possa assicuraci il combustibile per raggiungere il nostro obiettivo a lungo termine ed a sua volta questa emozione è collegata alla visione e valori cui vogliamo allinearci nel raggiungere il nostor obiettivo.

Se sei allineato ad una visione e crei strategicamente il tuo piano di conseguenza risparmierai tempo, sarai più creativo, ridurrari gli errori e produrrai l’autodisciplina ed il focus per fare le cose.

“Avere un piano senza esecuzione è un attentato alla produttività”

Le azioni consistenti sono la chiave per fare del tuo sogno la realtà.

Compralo con questo link:

ACQUISTALO QUI

Le azioni che compi determinano il tuo futuro,

Se vuoi conoscere cosa il futuro ti riserva, guarda alle tue azioni di oggi che te lo predicno

Infatti se vuoi farti una idea della tua salute in futuro, considera come mangi oggi o se fai esercizio. Per sentirti bene ai 40 anni dovresti pensare per 20 anni di lavorare sulla tua salute: dormire 8 ore  a notte, trascorrere parte del giorno fuori casa, controllare il tuo stato di salute periodicamente. Non sarai al topo della tua salute instantaneamente, ma a seguito di un lungo processo.

Lo stesso accade al tuo matrimonio, carriera e affari. Le tue azioni raccontano la tua storia a lungo termine. Tutte le grandi vittorie future arrivano da piccoli sforzi giornalieri.

Quando adotti un piano giornaliero, sarai in grado di focalizzarti su pochissime cose estreamente importanti piuttosto che riporre la tua attenzione su molte irrilevanti.

Uno chiaro programma d’azione e una scadenza non ti daranno modo di perdere il tuo tempo . Ti aiuteranno a focalizzarti. Se riesci a raggiungere un obiettivo in 12 settimane, sarai più motivato a ripetere il ciclo per altri obiettivi.

La tua intenzione è cio che serve a farti mantenere il passo con la tua visione finale. Quando ti riprooni di allineare la tua visione, diventa facile per te incrementare la tua produttiità senza effetti avversi come la procrastinazione.

Torppo spesso nella vita privata o lavorativa, perdiamo il sesnso del percorso e dei progressi. Perdamo traccia di dove siamo e non capiamo quando stiamo migliorando e progredendo e quando è il momento di poterci prendere una pausa di relax: si entra così nella produttività tossica del fare con sensi di colpa.

Nello sports, i punteggi danno un indicatore oggettivo al giocatore, al pubblico, all’arbtitro e ai coach su come sta andando la partita: perché non applicare lo stesso principio agli obettivi della vita?

“Le persone persono o vincono in base a statistche e punteggi. Avere la capacità di misurare con punteggi la tua capacità è moolto importante e ti fa capire a che punto ti trovi”

Creare una tavola di punteggi settimanali che ti fa comprender eil progresso ti aiuta a capire quanto stai procedendo in avanti nel percorso.

IL tempo è anche essenziale per capire a cosa potrai dire di si o di no in base al fatto che sia o meno compatibile col tuo progetot. Imparare ad allontanarti da cià che ti fa perdere tempo e focalizzarti sulle cose produttive è il segreto di raggiungere i tuoi obiettivi.

Valutare il tuo tempo ti aiuta a capire il vero senso della rendicontazione della propria gestione dle tempo. La rendicontazione significa capire il risultao dlle tue scelte. Dopo tutto la rendicontazione della tua vita è l’unica cosa che dovrebbe esistere per poterla valutare.

  1. Non fare l’errore di confondere l’interesse per l’impegno quando si tratta di decidere quale idea sviluppare

Sviluppare ciò che ti interessa non significa automaticamente impegnarti in quello che stai facendo. Puoi essere interessato a molte cose, ma non farei i guiusti passi per portarle a termine.

Ecco le 4 chiavi per un impegno di successo:

 DESIDERIO FORTE: Arriva da una impellente e ragionata intenzione che ti motiva dal profondo dal fare le cose

AZIONI CHIAVE O MILIARI: sono quei passi indefettibile per poter ragigungere cià che vuoi e che devono essere collocati nel tuo piano strategico (occorre dunque fare una apposita ricerca in tal senso)

VALUTAZIONE DEI COSTI: va preventivamente valutato quanto costa acquisire i tuoi obiettivi. IL prezzo per il successo implica tempo, soldi, sacrifici per famiglia e scomodità

AGISCI IN BASE AI TUOI IMPEGNI E NON IN BASE A CIO’ CHE SENTI: Molte volte se aspetti di averne voglia o di essere ispirato o stare nel mood perderai molte occasioni per farlo. Per questo impara a gestire le tue emozioni e lavora su un piano che ti consenta di far leva sulla tua autodisciplina

Tentare di avere successo su tutti i fronti è tedioso e inefficiente. E’ meglio focalizzarsi solo su ci che conta. Essere multiktasking on ti aiuta certo a fare ciò che vorresti realmente perché fare tutto insieme è come non fare nulla.

“prendi ogni giorno come arriva e fanne buon uso. Se ti fai attrarre dalle cose che “consumano” i l tuo tempo perderai il presente e il futuro sperato”

Per massimizzare l’efficienza della gestione del tuo tempo devi trovare un equilibrio tra vita privata e lavorativa.  Se sacrifichi troppo le tue passioni e desideri o la famiglia per prediligere il alvoro oppure fai il contrario, le cose ad un certo punto ti sfuggeranno di mano. L’equilibrio tra vita privata e lavorativa non sarà mai sullo stesso piano, ma ciò che puoi fare è massimizzare ogni apsetto della vita.

Quello che conta è un sistema di produttività che ci rende felici.

Per questo il libro sugersice di creare un piano giornaliero dove ti focalizzi anche su port, camminate, riposo, salute per consentirti di creare abitudini che sono degli happines booster ossia delle iniezioni di felicità: abitudini naturali che non richiedono particolare volontà ma che creano un flusso di energia continua per il tuo piano,

Rimarrai esterefatto di come troverai sempre risorse per fare le cose e evitare il burnout

Il sistema esecutivo ci aiuta a prendere decisioni consapevoli

Il sistema esecutivo si basa su 8 elementi:

  • Visione
  • Pianificazione
  • Controllo del processo
  • Misurazione
  • Gestione del tempo
  • Rendicontazione
  • Impegno
  • Grandezza al momento

Questi elementi a loro volta si dividono in due gruppi

I tre principi

I tre principi determinano il successo e l’effettività del piano

La rendicontazione serve a verificare successi e fallimenti. Significa accettare la responsabilità di ogni situazione e prendere le decisioni in base alle circostanze

L’impegno significa prendere quotidiani e persistenti sforzi verso la promessa a te stesso e quindi prioritizzare i tuoi doveri sulla riluttanza e pigrizia

Grandezza al momento significa mostrarsi ogni giorno nel percorso come atto di presenza e pertanto credere nel processo per raggiungere il risultato

Le cinque discipline riguardano il ciclo delle 12 settimane

Visione: prima di imbarcarsi in un percorso di vita occorre creare una visione sostenibile e dunque una idea alla quale si può stare impegnati

Pianificazione: un piano di lavoro ti aiuta a focalizzarti su ciò che è importante nella tua vita. Crea un piano realistico giornaliero, settimanale e mensile,

Controllo sul processo: usa strumenti che garantiscano con successo di allineare le tue azioni quotidiane con i risultati che vuoi raggiungere.  Per esempio, una sveglia alle 5 per la miracle morning,

Gestione del tempo. Devi essere chiaro sull’utilizzo del tempo e degli sprechi

Quando combini ed incorpori questi elementi in un piano non hai scelta che vincere in tutte le aree della vita,

Lo sapevi che uno studio del 1968 ha mostrato che persone con un più basso IQ avevano più successo di quelle con un più alto IQ perché l’etica e la disciplina giocava un ruolo discriminante

“crea un piano effettivo che si allineato ai tuoi valori e priorità

  1. Serve coraggio per ammettere gli errori e correggerli

Ammettere i tuoi errori non significa che sei debole. Significa che sei forte abbastanza da tenere traccia delle tue azioni.

Ricorda: sta a te definire i momenti e le scelte con le tue decisioni.

Le persone che si dipingono come vittime limitano il successo all’azione degli altri

Sono sotto l’ombra di forze esterne e si incolpano e vergognano facilmente delle proprie incapacità, struggendosi inutilmente

Dall’altra parte, quelli che sono consapevoli delle proprie responsabilità per il loro benessere guardano sempre alle opportunità per realizzare i loro desideri.  Questi ultimi sanno che chiusa una porta, si apre un’altra.

La rendicontazione ti dà il controllo della vita che non accade a te ma per te

Esso ti mostra il livello di difficoltà di ogni situazione in modo da livellare il tuo focus

IL tuo impegno non deve essere magnanimo o severo: può essere semplice e ordinario. Quello che conta è fare qualcosa ogni giorno. Non puoi realizzare le cose se non le fai ordinariamente e le cose straordinariamente arrivano con la ripetizione.

“L’impegno dà alla vita  il valore che altrimenti la vita non avrebbe”

I primi giorni delle 12 settimane potrebbero sembrare un inferno perché si sperimenta frizione e resistenza, ma non devi desistere dai tuoi obiettivi.

Guarda al tuo obiettivo finale e non a quelli intermedi.

Mostrati impegnato e fai qualcosa ogni giorno. Fissa obiettivi realistici per evitare il continuo fallimento. Fissa standard che puoi soddisfar. In questo modo potrai espandere ogni giorno con piccoli compiti o come livello di difficoltà.

L’impegno comporta acquisire nuovi passi più sfidanti. Occorre rimuovere vecchie abitudini ed introdurre nuovi valori alla vita.

Le vecchie abitudini ti porterebbero a restare fermo o procrastinare,

Celebra le tue vittorie, non importa se piccole.

Se alle 13 settimana non hai ancora acquisito il tuo obiettivo: non è mai troppo tardi per ricominciare

“Se facciamo le cose che siamo capaci di fare, non saremmo mai stupiti da noi stessi”

Thomas Edison

CONCLUSIONI

Vivere una vita produttiva deriva dall’avere un piano ed eseguirlo. Tu sei buono o cattivo in base alle decisioni che prendi. Se vuoi acquisire, ti devi impegnare.

Avere un piano o sviluppare un interesse non è abbastanza: serve un lavoro frazionato nel tempo.

Non devi fare troppe cose per avere successo, ma poche che funzionano e dove vedi hai una crescita esponenziale

L’eccellenza non è un atto ma una abitudine di persistenza. Fissare delle linee guida serve a farti completare i compiti al momento giusto

Tieni in mente sempre l’idea che l’esecuzione regolare e disciplinata di minori compiti, passo dopo passo ti porta vicino all’obiettivo

Pensa dunque che il tuo anno sia ridotto a 12 settimane. Lunghi piani superiori ai tre mesi ti porterebbero a procrastinare e credere di avere tempo infinito. Brevi scadenze ti costringono a stare con i piedi per terra e focalizzato.

Il risultato visibile della routine è motivarti a far sforzi quotidiani.

Ogni settimana successiva dovrebbe contenere delle spunte sulla tua lista di acquisizione per crearti ispirazione nel progresso di nuovi compiti

Ricordati di premiarti ed essere grato per ogni settimana

Prova questo:

fai una lista di tutti i tuoi interessi e dai un punteggio per importanza

Scegli tra questi il più importante e che puoi usare nel piano delle 12 settimane

Sforza di applicare gli 8 elementi dell’atto di impegno.

Sorpresa finale:

vai nella sezione dei freebie del sito e trovi in regalo il template per creare il tuo piano delle 12 settimane collegato al video tutorial

Post a Comment